e

Pulcinella

2005

19

November

Pulcinella

Il lavoro investe una complessità di aspetti non solo coreografici, ma anche drammaturgici e registici che prendono le mosse dalla figura del Pulcinella della Commedia dell’Arte, dalle sue caratteristiche e dalla sua gestualità, per approdare ad una rappresentazione dell’archetipo che Pulcinella riveste al di là dell’immagine classica.
Pulcinella non ha un carattere perché ne ha mille: può esser maschio e femmina, giovane e vecchio, cinico e sentimentale, intelligente e stolto, indipendente e servile, ardito e vigliacco. Pulcinella è mutevole, come l’uomo, con la sua deformità e con la sua variabile personalità libera da ogni schema prevedibile, offre l’occasione di parlare di elusione degli schemi collettivi, di diversità, di giudizio sociale, di esclusione. Pulcinella è colui che sfuggendo alle classificazioni ordinarie e abituali è riconoscibile come “diverso”.